Borse in pelle: il bello dell’artigianato

L’artigianato della pelle sta trovando ultimamente nuovo vigore e interesse: ecco il magico mondo delle borse in pelle.

OLYMPUS DIGITAL CAMERATutta la moda deve essere standardizzata? Va bene che le tendenze siano individuate da professionisti ed esperti che hanno la cultura e lo spessore necessario per farlo, ma questo non significa che necessariamente bisogna rivolgersi sempre e comunque a grandi marchi. È il caso ad esempio dell’artigianato di qualità, quello che paradossalmente realizza e propone al pubblico oggetti di lusso, ma a un prezzo ragionevole e in molti casi economico.

Questo è anche e soprattutto l’artigianato della pelle, che consente di scegliere tra tantissimi modelli differenti di borse in pelle, lasciandoci optare per quello che fa più al caso nostro. Certo, raramente troveremo griffe che basano su questo la propria produzione, ma c’è sempre una piccola minoranza, in particolare piccoli produttori italiani, che sempre più spesso si stanno orientando verso questa tendenza.

Scegliere una borsa in pelle realizzata artigianalmente è sempre una cosa facile. Basta farsi guidare dal proprio istinto, dai propri gusti e dal fatto che magari vogliamo abbinare una data borsa a quel paio di guanti o di scarpe. L’artigianato ha il pregio di resistere al tempo e alle mode, di durare nel tempo proprio perché si avvale di un’alta qualità e di un’attenzione che invece nell’industria dell’abbigliamento e degli accessori non sempre è possibile agli stessi livelli (pensiamo ai tantissimi spacci delle griffe che offrono materiale con piccoli difettucci che comunque non impediscono di apprezzare il prodotto).

Pensiamo infine al più grande pregio di un a borsa in pelle realizzata artigianalmente: poche persone potrebbero averla simile o addirittura uguale alla nostra. La borsa potrà quindi divenire un tratto distintivo della nostra personalità e noi (e gli altri) potremmo goderne quotidianamente. Per cui: viva le borse artigianali in pelle (e chi le sceglie)!

I love shopping: comprare ed essere felici

Secondo molte scuole di pensiero, la strada del buonumore passa anche per lo shopping. Ma non si può comprare continuamente, soprattutto in periodi di crisi economica. Ecco qualche consiglio.

borsa da polso blu cianoLa crisi avanza e non la si può nemmeno mettere in frigo. Così un po’ tutti coloro che sono appassionati di shopping si chiedono come fare. Allo shopping sono anche attribuite temporanee doti benefiche: fare shopping contribuirebbe ad aumentare il buonumore, un po’ come quando si mangia cioccolata. Ma esattamente come in questo caso, c’è il risvolto della medaglia: troppa cioccolata fa ingrassare, troppo shopping prosciuga il conto in banca.

Un modo per salvare capra e cavoli c’è. Fare shopping equivale a prendersi cura della propria immagine. L’immagine passa anche per gli accessori moda, quelli che rendono unico ogni outfit e il nostro intero look. Da questo discorso bisognerebbe escludere quegli accessori da cui non si può proprio prescindere come scarpe, guanti e borse. In quest’ultimo caso, conviene acquistare prodotti di qualità, che non solo durino nel tempo, ma anche classici affinché non passino mai di moda (magari in pelle lavorata artigianalmente).

Tutto il resto può essere handmade, fatto in casa, magari con materiali di riciclo. E così una stoffa che abbiamo trovato in un mercatino si trasforma in una bella sciarpa o anche in una cintura decisamente glamour, senza dimenticare il valore di un accessorio creato ai ferri o all’uncinetto. Tutto ciò che realizziamo a mano sarà qualcosa di unico e irripetibile e non c’è niente di meglio per la nostra immagine: la contingenza della crisi ci spinge ad attrezzarci d’ingegno, ma si tratta comunque di un’ottima idea in assoluto e in ogni tempo.

Ne I Segreti di Twin Peaks, il personaggio dell’agente Dale Cooper affermava che il segreto della serenità sta nel farsi un regalo ogni giorno. Può essere una nuova camicia, un paio di jeans, ma anche qualcosa che abbiamo realizzato con le nostre mani.